sabato 9 febbraio 2019

Le confessioni di Mr. Harrison, di Elizabeth Gaskell

Ciao a tutti! :D

Oggi vi parlo dell'ultimo arrivato nella mia sempre più nutrita (gioia e tripudio!) collezione gaskelliana: "Le confessioni di Mr. Harrison", edito per la prima volta in Italia da Edizioni Croce!
Si tratta di un romanzo breve ma davvero perfetto: un gioiellino di ironia che ci riporta alle atmosfere di Cranford, celebre romanzo della Gaskell per fortuna disponibile da molto più tempo sui nostri scaffali.
Il set di questa piacevole commedia è quello prediletto dall'autrice, cioè un piccolo paesino di campagna: un pugno di casette sparse attorno a una canonica e alla casa del signore locale, dove tutti si conoscono e conoscono i fatti di tutti. Mr. Harrison, giunto lì come apprendista del medico locale, porterà non poco scompiglio in paese, soprattutto tra gli esponenti del "gentil sesso", dando vita a una spassosa commedia degli equivoci che non risparmierà proprio nessuno!



Il ritratto della piccola borghesia di campagna è, come sempre nelle opere della Gaskell, impeccabile. Sulla scena sfilano infatti tutti i possibili tipi umani: dalla vedova che veste ancora il lutto per il marito alla donna intrigante che cerca di disfarsi di una figliastra scomoda! Tuttavia le piccole meschinità quotidiane sono guardate dall'autrice con l'occhio benevolo e affettuoso di chi quelle realtà tutto sommato le conosce bene e le ama, nonostante i loro difetti. 

Senza nulla togliere alle opere più malinconiche e socialmente impegnate, credo che Elizabeth Gaskell dia il suo meglio in romanzi di questo genere! Aveva un'innegabile propensione a divertire il pubblico che forse ha un po' troppo spesso represso, non so se per desiderio personale di sperimentazione, per senso del dovere o pressioni esterne. Ma leggerla in questa veste è sempre una goduria, spero che prima o poi la sua intera bibliografia sia a disposizione dei sempre più numerosi estimatori italiani <3 
Un plauso alla casa editrice per l'amore e la cura con cui sta contribuendo a far conoscere Elizabeth Gaskell in Italia con le sue numerose pubblicazioni: il prezzo del volume potrebbe sembrare un po' elevato in rapporto al numero di pagine, ma direi che la cura e la bellezza con cui è realizzato lo giustificano ampiamente!

Titolo: Le confessioni di Mr. Harrison
Autrice: Elizabeth Gaskell
Casa editrice: Edizioni Croce
N. pagine: 154
Prezzo: 19,90

sabato 26 gennaio 2019

"C'è sempre il sole dietro le nuvole", di Sara Staffolani

Ciao a tutti! ^^

Complice una piccola influenza mi sono data alla pazza gioia librereccia, recuperando un bel po' di titoli che dovevo leggere da un po'. In pole position c'era "C'è sempre il sole dietro le nuvole" di Sara Staffolani, pubblicato da Flower-ed: una biografia che mi chiamava da tempo, con il suo titolo ottimista, la freschezza della penna di una blogger che conosco e stimo da un bel po' e soprattutto la scrittrice protagonista, che profuma letteralmente d'infanzia: si tratta infatti di Jean Webster, autrice di Papà Gambalunga!



Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare di Papà Gambalunga! Nessuno, vero? ^^ Io ho conosciuto questa storia per la prima volta grazie all'anime giapponese: quando ero piccola lo consideravo solo un cartone un po' buffo, con una protagonista che mi ricordava Pippi Calzelunghe! xD Poi, riguardandolo da adulta, ne sono rimasta conquistata al punto da correre a leggere il libro in inglese (perchè all'epoca la versione italiana non si trovava facilmente).
Ovviamente, me ne sono innamorata: sotto la copertura del "libro per ragazzi" Jean Webster ha imbastito una storia femminista e molto coraggiosa per i suoi tempi. La storia di una ragazza che non permette a niente e nessuno, neppure alle persone che ama di più, di frapporsi tra lei e la realizzazione di sé.

Judy Abbott, protagonista di Papà Gambalunga, in versione anime giappo!

Papà Gambalunga (la cui identità è tra i più grossi spoiler della storia della Letteratura xD) è un po' come Peter Pan: un personaggio letterario divenuto ormai di tale dominio pubblico, grazie alle tante trasposizione cinematografiche e animate, che pochi magari sanno da chi sia stato creato. In questo caso parliamo di una scrittrice giovane e a suo modo rivoluzionaria, nata in una famiglia già fuori dal comune (basti pensare che era imparentata con Mark Twain!), che Sara Staffolani ci presenta con passione palpabile,  accompagnandoci tra le varie fasi della sua vita.
Alice Jane Chandler Webster, questo il suo nome completo, nacque nel 1876 e morì nel 1916 a soli 40 anni, lasciandoci solo poche opere di cui solo una, Papà Gambalunga appunto, attualmente in commercio in lingua italiana. 
La prosa fresca e appassionata di Sara ci mostra una donna femminista, che frequentò un esclusivo collegio femminile (echi di questa esperienza si ritrovano nelle sue opere)  e riversava a piene mani le sue convinzioni nelle sue opere, a cui nella biografia è dedicata una trattazione più che approfondita! *_* Mi ha colpita in modo particolare "The wheat Princess", romanzo dalla forte impronta sociale che presenta anche una bella storia d'amore <3
Io non ho resistito e ho letto tutte le trame, ma come la stessa Sara avverte all'inizio dell'opera se volete evitare spoiler vi consiglio di saltare le parti (ben evidenziate) in cui si parla dei romanzi che avete intenzione di leggere ^^  A me comunque conoscerle ha fatto solo venire più voglia di leggere le opere complete! xD Il primo in lista è proprio il seguito di Papà Gambalunga, "Caro nemico", tradotto in italiano anni fa ma purtroppo introvabile...per fortuna esistono le biblioteche! :D

Jean Webster

Titolo: C'è sempre il sole dietro le nuvole
Autrice: Sara Staffolani
Casa editrice: Flower-ed
N. pagine: 134
Prezzo cartaceo: 14,42 euro
Prezzo ebook: 7,99 euro

martedì 15 gennaio 2019

"La baia del francese", di Daphne du Maurier

Ciao a tutti!^^

Non c'è modo migliore per inaugurare l'anno nuovo in Brughiera che parlare di una delle mie autrici preferite in assoluto, Colei che non mi ha mai davvero delusa finora, e che riesce a rendere ognuno dei suoi numerosi libri diverso e speciale a modo suo: parlo dell'eclettica Daphne du Maurier, e dell'ultimo suo romanzo che è stato portato in libreria in una nuova veste, cioè "La baia del francese", edito da Beat.

Copertina stra-utilizzata ma sempre d'effetto xD


"Franchman's Creek", questo il titolo originale del romanzo, pubblicato nel 1941, fa parte del "filone avventuroso" dell'autrice, insieme a "Jamaica Inn" (di cui trovate la recensione qui) e "Il generale del re" (che non ho ancora letto). 
Daphne du Maurier, spirito imprevedibile e anticonvenzionale, nel pieno della Seconda Guerra Mondiale scrive un libro ambientato nel passato (nel 1600, in particolare), una storia d'amore e pirateria che, se non può inserirsi nella sua migliore produzione, risulta comunque estremamente godibile.
Lady Dona St. Columb, spregiudicata nobildonna inglese, stufa della vita mondana che conduce a Londra, si rifugia da sola con i due bambini in una casa di famiglia in Cornovaglia. Luogo romantico e prediletto da Du Maurier, la Cornovaglia era in passato infestata da pirati e contrabbandieri, e Lady Dona non sa che l'incontro con uno di loro movimenterà alquanto la sua vita...
Un romanzo che vorrebbe essere storico e avventuroso ma non risulta tale, almeno non in modo netto. L'ambientazione seicentesca è appena accennata e non molto sentita: se la vicenda fosse stata ambientata a inizio '900 non sarebbe cambiato poi molto. Anche l'aspetto avventuroso è poco sviluppato, a vantaggio di quello romantico. Eppure Daphne riesce comunque a coinvolgere e appassionare, con quel tocco magico che quasi lei sola possiede *_* Poi Lady Dona è la classica protagonista insoddisfatta e antipatica che su di me fa sempre presa: magari sarà antipatica ai più, ma io l'ho apprezzata molto! Sono tipo da antieroine xDD

Il romanzo era già stato pubblicato in italiano nel 1962 con il titolo "Donna a bordo", per cui se scavando nei mercatini dell'usato o nella vecchia libreria dei nonni ne trovate una copia, siete a posto! :D 
Ringraziamo il cielo per averci mandato nuovi designer per le copertine xD

Lo consiglio solo a chi conosca già bene Daphne e l'apprezzi perché, per quanto molto piacevole, non è il biglietto da visita ideale per un'autrice che sa offrire molto più di così. Come chi mi segue assiduamente forse già saprà, il mio preferito indiscusso tra i suoi è "Mia cugina Rachele", capolavoro assoluto che non dovete perdervi e che tra l'altro è tornato in libreria di recente grazie a Neri Pozza.

Titolo: La baia dei francese
Autrice: Daphne du Maurier
Editore: Beat
N. Pagine: 340
Prezzo cartaceo: 17 euro
Prezzo ebook: 9,99 euro

Vi anticipo che la prossima recensione riguarderà un saggio su una scrittrice tutta da scoprire...a presto! :*