martedì 15 gennaio 2019

"La baia del francese", di Daphne du Maurier

Ciao a tutti!^^

Non c'è modo migliore per inaugurare l'anno nuovo in Brughiera che parlare di una delle mie autrici preferite in assoluto, Colei che non mi ha mai davvero delusa finora, e che riesce a rendere ognuno dei suoi numerosi libri diverso e speciale a modo suo: parlo dell'eclettica Daphne du Maurier, e dell'ultimo suo romanzo che è stato portato in libreria in una nuova veste, cioè "La baia del francese", edito da Beat.

Copertina stra-utilizzata ma sempre d'effetto xD


"Franchman's Creek", questo il titolo originale del romanzo, pubblicato nel 1941, fa parte del "filone avventuroso" dell'autrice, insieme a "Jamaica Inn" (di cui trovate la recensione qui) e "Il generale del re" (che non ho ancora letto). 
Daphne du Maurier, spirito imprevedibile e anticonvenzionale, nel pieno della Seconda Guerra Mondiale scrive un libro ambientato nel passato (nel 1600, in particolare), una storia d'amore e pirateria che, se non può inserirsi nella sua migliore produzione, risulta comunque estremamente godibile.
Lady Dona St. Columb, spregiudicata nobildonna inglese, stufa della vita mondana che conduce a Londra, si rifugia da sola con i due bambini in una casa di famiglia in Cornovaglia. Luogo romantico e prediletto da Du Maurier, la Cornovaglia era in passato infestata da pirati e contrabbandieri, e Lady Dona non sa che l'incontro con uno di loro movimenterà alquanto la sua vita...
Un romanzo che vorrebbe essere storico e avventuroso ma non risulta tale, almeno non in modo netto. L'ambientazione seicentesca è appena accennata e non molto sentita: se la vicenda fosse stata ambientata a inizio '900 non sarebbe cambiato poi molto. Anche l'aspetto avventuroso è poco sviluppato, a vantaggio di quello romantico. Eppure Daphne riesce comunque a coinvolgere e appassionare, con quel tocco magico che quasi lei sola possiede *_* Poi Lady Dona è la classica protagonista insoddisfatta e antipatica che su di me fa sempre presa: magari sarà antipatica ai più, ma io l'ho apprezzata molto! Sono tipo da antieroine xDD

Il romanzo era già stato pubblicato in italiano nel 1962 con il titolo "Donna a bordo", per cui se scavando nei mercatini dell'usato o nella vecchia libreria dei nonni ne trovate una copia, siete a posto! :D 
Ringraziamo il cielo per averci mandato nuovi designer per le copertine xD

Lo consiglio solo a chi conosca già bene Daphne e l'apprezzi perché, per quanto molto piacevole, non è il biglietto da visita ideale per un'autrice che sa offrire molto più di così. Come chi mi segue assiduamente forse già saprà, il mio preferito indiscusso tra i suoi è "Mia cugina Rachele", capolavoro assoluto che non dovete perdervi e che tra l'altro è tornato in libreria di recente grazie a Neri Pozza.

Titolo: La baia dei francese
Autrice: Daphne du Maurier
Editore: Beat
N. Pagine: 340
Prezzo cartaceo: 17 euro
Prezzo ebook: 9,99 euro

Vi anticipo che la prossima recensione riguarderà un saggio su una scrittrice tutta da scoprire...a presto! :*

lunedì 31 dicembre 2018

The Best in the Moors 2018- 1° classificato

Ciao a tutti, buon ultimo giorno del 2018!

Anche quest'anno si conclude la mia classifica librosa! Non avrei mai creduto che questo libro, che avevo sempre guardato con un misto di timore e soggezione, potesse scalare la vetta delle mie preferenze letterarie, e invece...la medaglia d'oro del 2018 va a "La pelle", di Curzio Malaparte!




Un romanzo del tutto inclassificabile: un po' autobiografia di guerra un po' romanzo fantastico, ti trascina per i capelli nella Napoli del 1943 appena liberata dall'arrivo degli americani e non ti lascia più andare: ti costringe a girare per i vicoli sudici, guardare in faccia la fame, i pidocchi, gli stenti, l'eterna solitudine che accomuna vincitori e vinti, il tutto trasfigurato da uno stile coinvolgente che lo rende quasi una favola nera.
Non so se faccia lo stesso effetto a chi viene da altri luoghi, ma leggere della mia città sotto questa veste, che sembra confermare e rovesciare a un tempo i racconti dell'epoca fatti dai miei nonni, mi ha entusiasmata. 
Ve lo consiglio se cercate qualcosa che sia completamente "altro" dalle solite letture, però vi avverto: non è un libro allegro, anche se io Malaparte avrei proprio voluto conoscerlo...secondo me, sotto la sua patina malinconica, era un gran burlone!

Titolo: La pelle
Autore: Curzio Malaparte
Casa editrice: Adelphi
N. pagine: 379
Prezzo: 13 euro

Grazie di aver seguito questo resoconto delle mie letture! :D Spero di avervi offerto spunti interessante per il 2019 e per ora vi lascio con l'augurio di trovare, nei prossimi 365 giorni, un libro che si riveli fondamentale per la vostra vita :D Augurissimi! ^^

domenica 30 dicembre 2018

The Best in the Moors 2018- 2° classificato

Ciao a tutti! :D

Anche per quest'anno la classifica librosa annuale sta per giungere al termine: siamo infatti giunti ad assegnare la medaglia d'argento, che spetta a uno dei geni del '900 letterario, l'immensa Virginia Woolf, e al suo "Orlando"!




Non spenderò troppe parole su questo classico, perché persone molto più illustri di me ci hanno già versato su fiumi d'inchiostro e non è che mi senta molto all'altezza! xD
Definito "la lettera d'amore più lunga della storia", in quanto dedicato alla notoriamente amata Vita Sackville-West, è la storia di un ragazzo, Orlando, che vive picaresche avventure attraverso i secoli, ritrovandosi ora nel corpo di un giovinetto, ora in quello di una fanciulla. 
Romanzo accessibile anche a chi avesse difficoltà con il consueto stile di Virginia, in quanto non presenta la caratteristica del "flusso di coscienza" bensì una narrazione molto fluida e convenzionale, consiglio di leggerlo in questa edizione Feltrinelli in quanto presenta una nuova traduzione (quella vetusta presente in altre edizioni mi aveva, finora, scoraggiata).

Titolo: Orlando
Autrice: Virginia Woolf
Editore: vari, ma io consiglio Feltrinelli
N. pagine edizione Feltrinelli: 272
Prezzo edizione Feltrinelli: 10,00

sabato 29 dicembre 2018

The Best in the Moors 2018- 3° classificato

Ciao a tutti! :D 

Siamo giunti sul terzo gradino del podio brughieroso del 2018: ad aggiudicarsi la medaglia di bronzo, quest'anno, è uno scrittore che adoro a dir poco, e di cui finora ho apprezzato tutti i libri che ho letto. Questo in particolare mi ha incantata fin dal titolo e dalla copertina (che però adesso purtroppo è cambiata).
L'autore è Stefan Zweig, e il libro "Estasi di libertà"!





Zweig aveva una capacità di immedesimazione sorprendente: poteva scrivere di un libraio di mezza età, di una giovane adultera, perfino di Maria Antonietta la celebre regina di Francia, e farti credere di essere davvero stato una di queste persone!
In questo caso entra nella testa di una giovane donna di provincia dell'ormai ex Impero austro-ungarico, che durante una breve vacanza scopre le gioie che la vita può riservare alle persone dotate dei giusti mezzi economici. Come tornare, poi, alla vita di prima?
Considerato un'opera minore di Zweig, questo libro mi ha ipnotizzata nonostante sia a tratti un po' ripetitivo nella descrizione dei pensieri e delle sensazioni della protagonista. Ma io, di questo autore, leggerei anche la proverbiale lista della spesa! xD

Titolo: Estasi di libertà
Autore: Stefan Zweig
Casa editrice: Edizioni Clichy
N. pagine: 465
Prezzo: 10, 00 euro

venerdì 28 dicembre 2018

The Best in the Moors 2018- 4° classificato

Ciao a tutti! :D

Ci avviciniamo al podio del 2018 con il libro che lo ha sfiorato per un pelo piazzandosi al 4° posto: si tratta di "Lessico familiare", capolavoro di Natalia Ginzburg ^^




Chi di noi non ha imparato, nella propria famiglia, un qualche particolare termine, motto, modo di dire? Ogni nucleo familiare ha i propri, che spesso si tramandano di generazione in generazione...e se questo linguaggio così particolare viene usato per presentarci una famiglia che ha vissuto da protagonista uno spaccato cruciale della storia dell'Italia diventa ancora più speciale! :D 
Lessico famigliare è un classico moderno della Letteratura nostrana che dovrebbe essere letto da ogni italiano perché, pur trattando un periodo fondamentale della nostra Storia, lo fa nel modo intimo, delicato e mai banale che era peculiare a questa scrittrice. 
Se ancora non l'avete letta cosa aspettate? 
Io ho iniziato da altri libri meno famosi ma altrettanto stupendi (penso a "Le piccole virtù", in particolare) e l'ho amata ugualmente: per cui, se questo titolo non vi ispira, iniziate pure da un'altra sua opera, ma iniziate: ché di brave scrittrici ne abbiamo e ne abbiamo sempre avute in Italia, solo che sono poco pubblicizzate.

Titolo: Lessico famigliare
Autrice: Natalia Ginzburg
Editore: Einaudi
Prezzo: 12 euro
N. pagine: 296

giovedì 27 dicembre 2018

The Best in the Moors 2018- 5° classificato

Ciao a tutti! :D

Siamo a metà della mia classifica librosa del 2018, esattamente al 5° posto, e troviamo un altro libro Flower-ed, di un'altra delle mie scrittrici preferite: lei è Lucy Maud Montgomery, e il libro si intitola "La ragazza delle storie"! ^^





Se siete persone che amano leggere libri intonati alla stagione in corso vi consiglio di rimandare la lettura di questo testo a giugno: infatti è un libro solare, spensierato e leggero come il primo giorno di vacanze alla fine dell'anno scolastico! E proprio in vacanza sono i piccoli protagonisti della vicenda, che si ritrovano a trascorrere una magnifica estate nella fatata isola del Principe Edoardo. Qui vivranno mille avventure, arricchite dalle storie che la piccola Sara, non a caso soprannominata "La ragazza delle storie", racconterà loro.
Questo libro era il preferito della sua autrice, e la sua fantasia qui corre davvero a briglia sciolta. Non perdetelo! Trovate la mia recensione completa qui.

Titolo: La ragazza delle storie
Autrice: Lucy Maud Montgomery
Editore: flower-ed
N. pagine: 312
Prezzo cartaceo: 17,00 euro
Prezzo ebook: 7,99 euro

mercoledì 26 dicembre 2018

The Best in the Moors 2018- 6° classificato

Ciao a tutti! :D 

Non c'è niente di meglio, dopo le abbuffate natalizie, di un dolce semplice di poche pretese come...una torta di bucce di patate! xD Questo "simpatico" dolce è al centro di uno dei libri più frizzanti e deliziosi che mi siano capitati nel 2018, che si piazza al 6° posto della mia classifica annuale: "Il club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey", di Mary Ann Shaffer!





In realtà io l'ho letto nell'edizione precedente della Sonzogno, intitolata "La società letteraria di Guernsey", che ormai si trova solo in ebook o nell'usato, mentre potete tranquillamente reperire l'edizione Astoria, che ha anche un titolo più fedele all'originale ^^
Ancora una volta (ho notato che ricorre spesso nelle mie letture di quest'anno!) a far da sfondo alle vicende c'è la Seconda Guerra Mondiale, ma stavolta siamo su un'isoletta del Canale della Manica, che fu occupata dai tedeschi durante la suddetta guerra. Nonostante il tema, è un libro piacevolissimo, permeato dall'amore per i libri e la scrittura! Infatti Juliet Ashton, giovane scrittrice, deciderà di scrivere un libro su quanto accaduto agli abitanti dell'isola di Guernsey durante la guerra, e questo desiderio cambierà per sempre la sua vita. Dopo averlo letto non lasciatevi sfuggire neanche l'omonimo film Netflix :D 


Titolo: Il club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey
Autrice: Mary Ann Shaffer
Editore: Astoria
N. pagine: 292
Prezzo: 17 euro