domenica 5 maggio 2019

Quality Street, di James Matthew Barrie

Ciao a tutti! :D

Ho appena notato che il mio ultimo post sul blog risale al 31 marzo...data scandalosamente lontana! xD Ma il 2019 è iniziato all'insegna del blocco del lettore, e poche letture vuol dire anche poca ispirazione per la scrittura...per fortuna nell'ultimo periodo mi sono imbattuta in diversi bei titoli che mi stanno facendo pian piano ripartire :D
Il primo che voglio presentarvi è il più breve di quelli che ho in lettura in questo maggio freddino e piovoso...si tratta di una commedia del mio adorato James Matthew Barrie, presentata per la prima volta ai lettori italiani dalla casa editrice Flower-ed, nella sempre piacevole traduzione di Riccardo Mainetti: il titolo è "Quality Street".


Molti conoscono Barrie solo per il più che celeberrimo personaggio di Peter Pan...ma forse pochi sanno che fu un prolifico autore di opere teatrali, che avevano un immenso successo nell'Inghilterra di inizio '900. Lo stesso Peter Pan, prima di diventare il romanzo che tutti conosciamo (o quasi, molti ne conoscono purtroppo solo la seconda parte, "Peter Pan e Wendy", a discapito della poetica e a tratti struggente "Peter Pan nei giardini di Kensington") era un'opera teatrale, che potete leggere anche in italiano in edizione Feltrinelli (non perdetelo, è tutta un'altra cosa!^^)


Ma come al solito sto divagando, torniamo alla commedia di cui voglio parlarvi oggi xD 
Quality Street è ambientato nella strada principale di un paesino di provincia (che dà anche il titolo all'opera), e la vicenda si apre con una scenetta squisitamente austeniana, che vede un gruppetto di donne discutere degli imminenti arruolamenti delle guerre napoleoniche. Susan e Pheobe, le protagoniste della storia, non sono troppo preoccupate dalla guerra: attendono infatti a momenti la proposta di matrimonio dello spasimante di Phoebe, che si è già compromesso abbastanza da creare solide aspettative...ma se non tutto andasse come previsto?
Una commedia degli equivoci a tratti dolceamara, incentrata sul trascorrere del tempo e sull'influsso che la speranza e la felicità, o al contrario l'infelicità e la disperazione, hanno sulla percezione dello stesso.
Mi sono davvero divertita a leggerla perché riesce, nella sua brevità, a far immergere nella vita delle protagoniste, soffrendo e sperando insieme a loro. Poi ho apprezzato molto il tocco ironico dell'autore e il suo prendere in giro le convenzioni sociali del tempo, che consideravano una trentenne non sposata come una vecchia zitella che non aveva neanche più diritto di prender parte a un ballo ( il fatto che io sia una trentenne non sposata non ha influito in alcun modo su questa mia considerazione xDD 
Da questa commedia è stato tratto anche un film del 1937 con Katharine Hepburn, il cui titolo italiano diventa inspiegabilmente "Dolce inganno" (in Italia se non piazzano un titolo smielato a caso non sono contenti, neanche gli anni '30 sfuggivano a questa regola xD) Ecco la locandina :D



Spero di poter leggere altro di questo autore che, come accade a coloro che diventano famosissimi per una sola opera, è ingiustamente trascurato nel resto della sua produzione!


Titolo: Quality Street
Autore: James Matthew Barrie
Casa editrice: Flower-ed
N. pagine: 144
Prezzo cartaceo: 15 euro
Prezzo ebook: 7,99 euro (ma in questi giorni è in offerta a 1,99 euro, se vi incuriosisce approfittatene ^^ Lo trovate qui.)

A presto! (spero xDD) :*


5 commenti:

  1. Bentornata 😊 Leggendo il post, e soprattutto il titolo della piece di Barrie, mi sono tornate in mente le praline della Quality Street. Anni fa era molto facile trovarne la pubblicità, ma improvvisamente mi sono accorta che non le vedo da un bel pezzo. Erano in scatole di latta decorata, tipo quelle che usavano all'inizio del secolo scorso, e sul coperchio una guovane e bella donna tipicamente "gentry" e un giovane e bell'ufficiale con una divisa militare molto inglese... e forse molto dei tempi di Napoleone, può essere. Non erano italiane, e adesso mi viene in mente che forse facevano riferimento proprio a quell'opera...

    RispondiElimina
  2. Mi sono fatta una domanda e mi sono pure data la risposta: ebbene sì, il nome viene proprio dalì. Adesso ci sono ancora ma i coperchi sono cambiati perchè l'ha comprata la Nestlé. E i due protagonisti della commedia sono proprio i due che comoarivano fini al 2000 sulle scatole di latta:
    https://it.m.wikipedia.org/wiki/Quality_Street_(cioccolato)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! :D Grazie di quest'info così interessante, non ne ero assolutamente a conoscenza! Ora voglio proprio assaggiare queste praline *_*

      Elimina
  3. Questo non lo conoscevo, ma ho adorato "Peter Pan nei giardini di Kensington", davvero struggente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peter Pan nei giardini di Kensington è pura poesia <3

      Elimina